Yeman Crippa ancora campione europeo

16 Luglio 2017

Con una volata mozzafiato nei 5000, Yeman Crippa torna sul trono continentale! Nei 3000 siepi Isabel Mattuzzi ottima quinta


 

Yeman Crippa è campione europeo under 23 dei 5000 metri su pista. L'incoronazione è avvenuta questa sera negli EuroU23 di Bydgoszcz al termine di una gara che il ventenne delle Fiamme Oro ha interpretato senza spregiudicatezza, cercando di non sprecare energie per poi risalire il gruppo nel penultimo giro e mettere in scena una tornata finale da 53"5 che gli ha consentito di chiudere il buco con i leader e presentarsi tutto solo sul rettilineo d'arrivo dopo 14'14"28 di gara. Nulla da fare per gli avversari, letteralmente sverniciati dall'allievo di Massimo Pegoretti sul rettilineo conclusivo e costretti ad accontentarsi delle medaglie meno pregiate, con l'argento finito al collo del tedesco Debognies ed il bronzo allo spagnolo Mayo, già vincitore dei 10.000 metri. Per Yeman Crippa si tratta del terzo titolo europeo, dopo i due conquistati tra il 2014 ed il 2015 agli EuroCross nella categoria juniores; inoltre il suo palmares propone anche il bronzo nei 5000 agli EuroJunior di Eskilstuna 2015 ed il bronzo agli Europei di Cross under 23 del 2016.

 

Ma il sabato polacco di Bydgoszcz ha proposto anche l'eccellente quinto posto di Isabel Mattuzzi (Us Quercia Trentingrana) nei 3000 siepi con tanto di personale in 9'57"68: la biondissima Anna Emilie Moller aveva palesemente una marcia in più nel lotto delle partenti. La sua vittoria si materializza in 9:43.05 e così per la Danimarca arriva il primo oro in undici edizioni di Europei under 23. Battute l'ucraina Nataliya Strebkova (9:44.52) e la francese Emma Oudiou (9:50.30). Quarta la romena Claudia Prisecaru (9:57.37) testardamente tallonata dalla roveretana Mattuzzi. La 22enne allieva di Dimitri Giordani che quest'anno ha già collezionato due maglie in Nazionale senior è quinta in 9:57.68, due secondi abbondanti di primato personale e seconda under 23 italiana di sempre nei 3000 siepi.

Undicesimo posto in finale, invece, per la lombarda Silvia Oggioni (10:20.55).

 

Semaforo rosso in mattinata invece per una positiva Luisa Sinigaglia (Gs Valsugana Trentino) che nella qualificazione del giavellotto arriva a sfiorare la fettuccia dei 50 metri (ottimo 49,97 per la padovana) risultando la migliore italiana di giornata ma senza riuscire a strappare il pass per l'odierna finale, per la quale sarebbero serviti circa quattro metri in più.

 

Gli 800 metri hanno infine riservato il sesto posto ad Elena Bellò, vicentina da un anno di casa a Trento per motivi tecnici e di studio: ha condotto una gara attenta, salvo ritrovarsi imbottigliata nel traffico a 200 metri dal traguardo, quando l'irlandese Clerigh le ha fatto da tappo, facendole perdere la scia della belga Eykens (2'04"73) che nel finale ha beffato la favorita islandese Hinriksdottir; per l'allieva di Massimo Pegoretti, 2'05"96.

 

 

START LISTS - RISULTATI/Results - TV E STREAMING - TUTTE LE NOTIZIE/News - LA SQUADRA ITALIANA/Italian Team  - Le pagine EA sugli EuroU23 - GLI AZZURRI IN GARA

FOTO delle GARE (di Giancarlo Colombo/FIDAL)

FOTO | SCATTI e RITRATTI della SQUADRA ITALIANA A BYDGOSZCZ 2017



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate